Tramonto ad Howth

Cosa vedere nei dintorni di Dublino: Malahide e Howth

Quando visitiamo una città, molto spesso cerchiamo anche di allontanarci dal centro e vederne i dintorni. Le grandi città, molto spesso, hanno un’anima che è parecchio differente da quella del resto della Nazione: a volte le differenze sono più piccole, come in Marocco, altre volte sembra quasi di non essere nello stesso posto, come per Tokyo e il resto del Giappone. Il nostro viaggio a Dublino sotto questo aspetto non ha fatto eccezione: avendo quattro giorni pieni, abbiamo deciso di noleggiare un’auto ed avventurarci lungo le strade irlandesi. Il primo giorno ci siamo diretti a Nord di Dublino, verso il castello di Malahide prima e il villaggio di Howth poi. Entrambe queste destinazioni possono anche essere raggiunte in treno.

Il castello di Malahide

Chi non ama i castelli? Mi sa che sono veramente in pochi: i castelli hanno così tanta storia, tante leggende e tanto fascino da ammaliare la maggior parte delle persone. Il castello di Malahide è un maniero relativamente piccolo ma squisitamente conservato grazie al fatto che è stato usato effettivamente come dimora nobiliare fino al 1973. Le terre di Malahide furono donate da Re Enrico II alla famiglia Talbot nel XII secolo: la famiglia vi costruì il castello e lo abitò per 800 anni.

castello di Malahide

Sulla facciata del castello si arrampica l’edera, incurante ai decenni che passano. L’edificio si trova al centro di un grosso spiazzo erboso; addossati ai suoi muri si trovano cespugli e giardinetti, che gli si stringono intorno come a volerlo proteggere. L’atmosfera lì ai piedi del castello è un po’… Ghibli! Se vi state chiedendo cosa significa, beh, allora dovete assolutamente smettere di leggere e noleggiarvi un dvd con uno dei film dello studio Ghibli (noi consigliamo “Il mio vicino Totoro” oppure “La città incantata” oppure ancora …). In questi anime giapponesi la natura rigogliosa è popolata da kami e kodama, ovvero da spiriti: a Malahide si ha proprio la sensazione che la vegetazione disordinata e fitta ai piedi del castello sia in realtà una sorta di magia che nasconde qualche incantesimo!

castello di Malahide

All’interno del castello le sale conservano ancora gli arredi originali – e pure il fantasma di famiglia! La visita a cui abbiamo partecipato è stata animata grazie alla bravura della nostra guida, che ci ha raccontato in maniera coinvolgente le vicissitudini della famiglia Talbot e qualcosa degli usi e costumi dell’Irlanda antica.

Oltre al castello è possibile visitare autonomamente il parco (per i bambini è stato creato un percorso a tema denominato Fairy Trail alla ricerca di fate e folletti) ed i giardini. All’interno dei giardini vi è una serra che ospita molte piante tropicali e oltre 20 specie di farfalle. Per quanto suggestivo sia camminare in mezzo a farfalle svolazzanti, noi abbiamo trovato decisamente triste vederle in cattività, tanto più che a terra alcune erano state calpestate dai visitatori evidentemente più intenti a guardare in alto che sotto i loro piedi.

I giardini ed il parco sono comunque molto piacevoli da visitare: la primavera con i roseti in fiore oppure l’autunno con il bosco infuocato di giallo e rosso sono probabilmente i momenti migliori. Accanto al castello, un’ultima chicca accresce l’atmosfera un po’ surreale: sono le rovine dell’abbazia di Malahide. Non ci si può avvicinare, è vero, ma questa chiesa semidistrutta fagocitata dal verde che si staglia contro il cielo plumbeo d’Irlanda è probabilmente una delle cartoline più belle.

Cosa vedere nei dintorni di Dublino

Il villaggio di Howth

Howth era un villaggio di pescatori, poco fuori Dublino. Lo è ancora, anche se è anche diventata meta di scampagnate domenicali per dublinesi e non solo; anche qui si arriva comodamente in treno. Vi consigliamo di arrivarci per pranzo, come abbiamo fatto noi, per gustare pesce fresco in uno dei tanti ristorantini sul porto prima di incamminarvi lungo uno dei sentieri che seguono la scogliera.

cosa vedere nei dintorni di Dublino

Noi abbiamo pranzato all’Octopussy, un piccolo locale molto affollato (di avventori e luci natalizie!) che serve tapas e piatti di pesce. Il pesce è fresco e cucinato ad arte, l’atmosfera è amichevole e allegra. Ci sono piaciute in particolare le capesante con burro al limone ed aglio, squisite! I prezzi non sono esattamente economici, ma comunque nella media irlandese.

Dopo pranzo, previa tappa a base di Irish Coffee, siamo partiti per percorrere un sentiero di circa 6 km (Howth Cliff Path Loop) che costeggia la scogliera. Noi, a dire il vero, abbiamo deciso di allungare un po’ per raggiungere il faro di Baily. Ci sono differenti percorsi tra cui scegliere, di lunghezze diverse in base alle vostre preferenze (e al livello eventuale di Irish Coffee accumulato). In ogni caso, ci sentiamo senza ombra di dubbio di consigliarvi di venire verso il tramonto, perché i paesaggi sono mozzafiato. Proprio mentre stavamo raggiungendo il faro di Baily, il cielo ha iniziato a tingersi di arancione e di rosa e a salire una lievissima foschia a dare ancora più enfasi al panorama. La sagoma del faro ancora lontana, il mare appena un po’ arruffato dal vento, il cielo morbido di luce, la nebbiolina un po’ umida a rendere più concreta la scena: ci ha fatto innamorare. Non soddisfatto di questa magia, il cielo ha continuato ad accendersi di colori e il sole a far rimbalzare i suoi morenti riflessi infuocati sullo specchi delle nuvole, dipingendo l’orizzonte.

Il video di Malahide e Howth dal nostro canale You Tube


L’articolo ti è piaciuto? Pinnalo!

Cosa vedere in Irlanda

6 commenti su “Cosa vedere nei dintorni di Dublino: Malahide e Howth

  1. A Malahide ci sono durante il mio primo viaggio in Irlanda ed è il primo posto che ho visto prima ancora di mettere piede a Dublino, quindi forse anche per questo occupa un posto speciale nel mio cuore. Howth invece non la conosco ma ne ho sentito parlare benissimo quindi spero di riuscire a vederla ad aprile!

  2. Spesso mi diletto a leggere le descrizioni scritte da altri dei posti in cui sono stato. Il bello è che quasi mai coincidono le riflessioni, perché la verità è che ogni viaggio è un racconto personale.
    Lasciatemi dire che il vostro video è bellissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: